Fondo - Archivio del Patronato Scolastico di Baveno


Fondo: APSB 1-38

Estremi cronologici:

1897 fino a 1965

Contenuto:

Vi è uno statuto del 1914, poi riveduto con delibera podestarile nel novembre 1928. Il fondo era inserito nell'inventario del 1951, cat. IX, cl. 4, inoltre in quello del 1982, cat. IX, cl. 2.


Il Patronato Scolastico venne istituito a Baveno nel 1914 per provvedere al servizio di assistenza scolastica in base alle norme dell’articolo 71 della legge 4 giugno 1911, n. 487 e degli articoli 19 e seguenti del Regio Decreto 31 dicembre 1923, n. 3126. Nello specifico, il Patronato Scolastico si poneva alcuni scopi specifici: concedere vestiti e calzature, libri quaderni ed altri oggetti indispensabili per la scuola; estendere la propaganda per l’adempimento dell’obbligo scolastico; favorire la fondazione di asili o giardini d’infanzia, ricreatori, biblioteche scolastiche e popolari; diffondere la mutualità scolastica. Per espletare tali scopi il Patronato Scolastico contava sui contributi dei soci, sui sussidi dello Stato, sulle somme stanziate dal Comune, dalla Provincia e dagli Istituti di Beneficenza e, inoltre, sulle elargizioni o lasciti di privati cittadini. Esso cessò poi la sua attività nel 1978, con la soppressione dei Patronati Scolastici in base all’articolo 45 del D.P.R. n. 616 del 24 luglio 1977. In questa occasione avvenne il passaggio dell’archivio e dei beni al Comune di Baveno con modalità e tempistiche previste dalla Legge Regionale n. 44 del 20 luglio 1978.

Il fondo archivistico era inserito nell’inventario del 1951, cat. IX, cl. 4, inoltre in quello del 1982, cat. IX, cl. 2.